Quantcast

Asti, incontro in Prefettura per la Giornata di Mobilitazione dell’Autotrasporto

In occasione della giornata di Mobilitazione dell’Autotrasporto le associazioni Confartigianato Trasporti Asti e FITA CNA Asti sono state ricevute in Prefettura del Capo di Gabinetto dott. Diego Dalla Verde.

Giovanni Rosso presidente di Confartigianato Trasporti Asti e Annamaria Mozzone Presidente di FITA CNA Piemonte hanno aderito alla giornata di mobilitazione, di sabato 18 Marzo, organizzata da tutte le sigle aderenti al coordinamento Unitario nazionale UNATRAS.

I presidenti della categoria accompagnati dai loro referenti Lorella Pallaro per Fita CNA e Davide Marino per Confartigianato Trasporti sottolineano che: “La giornata di mobilitazione vuole portare l’attenzione circa l’assenza di risposte da parte del Governo su una serie di questioni vitali per il settore dell’autotrasporto, a cominciare dalla mancanza di riscontri sull’ormai annoso problema della concorrenza sleale in arrivo dai paesi esteri, in particolare dell’est Europa, con un abusivismo sempre imperante. Si tratta di un grave
problema non solo in termini economici, ma anche per la sicurezza sulle strade.

In aggiunta , ancora non è stato proposto nessun intervento, seppur più volte sollecitato, sulle tempistiche di pagamento dei committenti, a volte il doppio del consentito ( dovrebbe essere massimo 60 giorni). Un fatto, quest’ultimo, che sta affossando numerose aziende, come testimonia il caso “Artoni”, che coinvolge non solo tantissimi dipendenti, ma anche centinaia di piccoli trasportatori autonomi.

Anche sui trasporti eccezionali nessuna decisione è stata presa , dopo l’incidente del crollo del cavalcavia di Lecco. Di fatto la legge che regola il settore è chiara , ma viene semplicemente disattesa, permettendo tale trasporto anche quando il bene trasportato non supera le dimensioni che lo classifica eccezionale, così come prevede il Codice della Strada.
Inoltre è sempre più indispensabile la determinazione MENSILE dei costi indicativi di esercizio , che tenga conto di tutti i fattori che li determinano, perché a causa dell’abolizione dei “costi minimi” è aumentata l’incidentalità ed è venuta a mancare la sicurezza stradale e sociale”.

Presente anche all’incontro in Prefettura il direttore di Confartigianato Giansecondo Bossi che sottolinea come questa categoria meriti attenzione essendo un asse importante dell’economia italiana. Con questa mobilitazione le imprese dell’autotrasporto vogliono che vengano applicate bene le leggi che regolamentano il settore, così come hanno fatto altri grandi stati come la Francia e la Germania, che tutelano i loro imprenditori a beneficio di tutta la nazione.