Le Rubriche di ATNews - Giovedì della Salute

Che stress…dal 2 marzo ritornano i Giovedì della Salute

Per il terzo anno consecutivo, tornano in Astiss i "Giovedì della Salute", ciclo di incontri su problemi quotidiani molto apprezzati negli anni passati.

Tema centrale della terza edizione è Lo Stress, che in sei appuntamenti verrà declinato nelle sue varie forme. L’iniziativa è promossa dall’Associazione InCrease e organizzata in collaborazione con Asti Studi Superiori, i corsi di laurea presenti presso il Polo universitario, le associazioni Utea, Ethica, Cepros Asti Onlus, Bioetica&Persona Onlus e le associazioni di volontariato che si occupano di problematiche della salute sul territorio astigiano, e gode del patrocinio dell’Asl di Asti, Ordine dei Medici MMG, Collegio Provinciale Infermieri IPASVI, Comune di Asti.

La scelta del tema generale e dei sei incontri sono stati spiegati questa mattina nel corso di una conferenza stampa presso Astiss, in cui sono intervenuti Francesco Scalfari, Direttore del Polo Universitario di Asti, Guido Lazzarini, Presidente Associazione Culturale InCreaSe (Innovation Creativity Setting), e lo psichiatra Giorgio Maria Bressa, Psichiatra, Professore stabilizzato presso l’Istituto Universitario IPU, affiliato Pontificio Ateneo Salesiano di Roma.

Il Direttore Scalfari ha sottolineato come questa iniziativa sia molto importante per il Polo Universitario perchè offre un servizio ai cittadini coinvolgendo tutti i corsi di laurea presenti in Astiss e anche importanti realtà al di fuori del mondo accademico ma altrettanto prestigiose.

Ma perchè è stato scelto proprio lo stress? “Perchè – come ha sottineato Bressa – anche se il termine tra origine all’ingegneria, in cui indica la capacità di resistenza di un metallo, questo è stato traslato ed è ormai patrimonio comune di molte scienze, che ne hanno stravolto il significato originario: in medicina, psicologia e sociologia ha assunto la connotazione di elemento negativo e pericoloso. Al contrario è indispensabile per la vita in quanto consente, attraverso lo sviluppo di forze di reazione, tutti i fenomeni di adattamento indispensabili alla sopravvivenza. La conoscenza, ormai esaustiva, del funzionamento dello stress consente l’elaborazione di strategie capaci di utilizzarne i benefici Lo stress è ormai diventato la banalizzazione di tutto; nell’ambito de “I Giovedì della Salute” è trattato in modo da elaborare meglio le strategie per risolvere le situazioni di stress, facendo sapere che ci si può “lottare” contro.”

La terza edizione si intitola dunque “Lo Stress: malattia del secolo?” e si svolgerà a partire dal 2 marzo al Polo Universitario di Asti.

Ecco tutto il programma nel dettaglio:

LO STRESS: MALATTIA DEL SECOLO?

Polo Universitario di Asti – P.le F. De Andrè – Asti
2 Marzo 2017, ore 17.00 – 17.30
Presentazione dell’iniziativa I giovedì della salute, 2017
Francesco Scalfari, Direttore Polo Universitario di Asti,
Guido Lazzarini, Presidente assoc. culturale InCreaSe

2 Marzo 2017, ore 17.30 – 19.30
“Lo stress nei primi momenti di vita: gravidanza, parto e accudimento del neonato”
Presiede e introduce: Paola Lazzarini, PhD in Sociologia, collaboratrice di ATnews
Interventi:
Valeria Ferrero, ginecologa, Dirigente medico SOC Ostetricia e Ginecologia ASL AT
“Gravidanza e parto: circostanze stressanti e/o occasioni di cambiamento nello stile di vita?”
Adriana Caprioglio, ostetrica, Coordinatrice Consultorio familiare ASL AT
“Il parto rispettoso e il protagonismo femminile nel parto, premesse per un’esperienza
trasformante”
Nicoletta Boero, Consulente professionale in allattamento materno IBCLC
“Gli ormoni dello stress nella nascita e nell’accudimento del neonato, il ruolo dell’allattamento al
seno”
Cristina Brondello, Pediatra, Dirigente Medico SOC Pediatria ASL AT
“L’arrivo del neonato: dalla coppia alla famiglia, modalità di risposta positiva nelle relazioni”

9 Marzo 2017, ore 17.30 – 19.30
“Quando lo sport crea stress”
Presiede e introduce: Giuseppe Alloatti, Presidente Corso di Laurea in Scienze delle attività
motorie e sportive
Interventi:
Roberto Bono, Docente Corso di Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive
“Dalla salute alla malattia: un articolato percorso in evoluzione nel tempo”
Guido Lazzarini, Università Torino
“Genitori insicuri e ricadute sui figli: il rischio di attese non coerenti con le tappe naturali di
crescita”
Giovanni Musella, Docente Corso di Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive
“Burn-out e drop-out, conseguenze dello stress nello sport giovanile”

16 Marzo 2017, ore 17.30 – 19.30
“Stress da ricerca spasmodica di alimentazione ‘sana’ ”
Presiede e introduce: Vincenzo Gerbi, Docente Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali,
Alimentari, Polo Universitario di Asti
Interventi:
Giorgio Calabrese, Medico Nutrizionista, Dietologo, Università degli studi di Torino
“Il significato del cibo e lo stress causato dal raggiungimento di nuovi modelli estetici e sociali”
Vincenzo Gerbi, Docente Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari, Polo Universitario
di Asti
“Come l’errata percezione del valore degli alimenti condiziona la scelta di ciò che mangiamo”

23 Marzo 2017, ore 17.30 – 19.30
“Lo stress degli infermieri e le sue radici nel Corso di Laurea in Infermieristica”
Presiede e introduce: Tiziana Musso, presidente CLI Asti
Interventi:
Mauro Villa, coordinatore CLI Asti
“Essere infermieri oggi: i fondamenti della professione tra attualità e prospettive”
Andrea Cavallero e Chiara Famoso, infermieri neo-laureati
“L’esperienza dello studente di Infermieristica: come trasformare i vincoli in risorse”
Comunicazione di Domenico Musto, medico del lavoro, Responsabile Struttura Semplice Ergonomia
Occupazionale ASL AT
“Lo stress sul lavoro, correlato in ambito infermieristico”

30 Marzo 2017, ore 17.30 – 19.30
“Lo stress nelle relazioni di cura: uno sguardo sociologico”
Presiede e introduce: Rosalba Altopiedi, Sociologa, coordinatrice didattica Corso di Laurea in
Servizio Sociale, Università del Piemonte Orientale
Interventi:
Rosalba Altopiedi e Valeria Cappellato٭) ,٭Sociologa, Dipartimento di Neuroscienze e Dipartimento
di Culture, Politiche e Società, Università di Torino)
“Il difficile ‘mestiere’ del caregiver tra cura, assistenza e corsi di vita”
Antonella De Luca, Assistente sociale, ASL AT, Struttura Complessa di Medicina Fisica e
Riabilitazione
“Lo stress nelle relazioni di cura: uno sguardo al Servizio sociale”
Comunicazione di Lucia Marotta, presidente A.N.I.Ma SS – Onlus
“Il ruolo dello stress in una malattia rara autoimmune”

6 Aprile 2017, ore 17.30 – 19.30
“Stress da volontariato”
Presiede e introduce: Maurizio Scordino, Sociologo, Direttore Cepros Asti – Onlus
Interventi:
Maria De Benedetti, psicologa
“Aiutarsi ad aiutare”
Giorgio Maria Bressa, Psichiatra, Professore stabilizzato Istituto Universitario IPU, affiliato Pontificio
Ateneo Salesiano, Roma
“I limiti biologici reali dell’empatia e della disponibilità nel volontariato”
Maria Luisa Furlanetto, Presidente dell’associazione “Progetto vita, perché di cancro si può vivere”
“Operare sul campo”

Gli incontri sono aperti a tutti gli interessati e saranno seguiti da dibattito.

s.c.