Quantcast

La ricetta del giorno: Salame di tonno piemontese

Inauguriamo oggi la rubrica di cucina in collaborazione con Libricette.eu 

Più informazioni su

Abbiamo scelto di iniziare proprio adesso perchè ci stiamo avvicinando alle Festività, per cui abbiamo pensato, cari lettori, di suggerirvi qualche idea per pranzi e cenoni che andremo a preparare, che vi verrà illustrata nei dettagli dagli autori che si alterneranno, nei prossimi giorni, con pratici suggerimenti su come realizzare diversi piatti della tradizione piemontese…ma non solo!

Incominciamo oggi con la il Salame di Tonno Piemontese – Suino di Mare. L’autrice è Paola “Slelly” Uberti, fondatrice e autrice di LIBRICETTE.eu , curatrice del Blog: SLELLY .

 

Salame di tonno piemontese

Di Paola “Slelly” Uberti

Antipasto SENZA GLUTINE, SENZA LATTICINI

In cucina mi piace inventare, sperimentare, azzardare, ma ci sono momenti in cui ho bisogno di tornare alla tradizione, come a confermare un punto di partenza, una lezione che non finisco mai di apprendere, le mie origini e i ricordi intimi.

L’autunno in arrivo mi spinge verso i sapori della cucina piemontese. Forse perché intensi e ricchi e quindi adatti alla stagione fredda. Oppure a causa del fatto che i piatti della mia terra rappresentano una sorta di ritorno a casa in un periodo dell’anno che predispone all’introspezione, all’intimità dei pensieri e delle riflessioni, all’elaborazione profonda ed edificante di stimoli ricevuti e informazioni apprese durante i mesi precedenti.

La scorsa settimana ho preparato il salame di tonno, quello che cucinava mia madre nelle occasioni speciali. Lei lo metteva in gelatina oppure ce lo serviva con la maionese fatta in casa, la sua, quella con un gusto unico che avrei riconosciuto tra milioni di salse.

Il salame di tonno è un piatto semplice e molto gustoso che in Piemonte è servito sia come antipasto, sia come secondo piatto. Nonostante questa regione non sia bagnata dal mare, grazie alla vicinanza con la Liguria e ai commerci che si muovevano lungo la Via del Sale, acciughe e tonno sono divenuti protagonisti della ricca e intensa gastronomia piemontese.

Questa è una ricetta alla quale sono molto legata. In essa c’è parte della mia storia: ritrovarla nel gusto e nella consistenza del salame di tonno è emozionante. Grazie mamma.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

250 grammi di tonno all’olio extravergine di oliva di alta qualità

4 acciughe sotto sale

4 cucchiai di pangrattato senza glutine

2 uova di medie dimensioni

Un pugno abbondante di foglie di prezzemolo fresco

Sale q.b.

Pepe nero macinato al momento q.b.

PROCEDIMENTO

Porto a bollore abbondante acqua contenuta in una grossa pentola ovale o rettangolare.

Dissalo le acciughe sotto acqua corrente ed elimino le lische. Sciacquo e asciugo con carta da cucina.

Sistemo il tonno sgocciolato e le acciughe nel frullatore e aziono la macchina ad alta velocità per ottenere un trito fine.

Trasferisco il preparato in una ciotola e unisco il prezzemolo finemente tritato al coltello e il pangrattato.

A parte sbatto le uova con una forchetta e le aggiungo al composto. Condisco con poco sale (acciughe e tonno sono già sapidi) e una generosa macinata di pepe. Impasto il tutto: il composto deve risultare compatto e piuttosto asciutto.

Inumidisco un canovaccio pulitissimo con acqua fredda (per lavarlo non utilizzo detersivi, ma lo faccio bollire in acqua per 10 minuti). Usando un canovaccio tramato a quadri la superficie del salame acquisterà un aspetto simile a quello di un vero insaccato.

Sistemo l’impasto vicino a un bordo del canovaccio e gli conferisco una forma cilindrica.

Avvolgo strettamente e chiudo le estremità a caramella legandole saldamente con spago da cucina.

Trasferisco nella pentola con l’acqua bollente e cuocio a fiamma media per 20 minuti. Il salame di tonno deve rassodarsi bene.

Utilizzando due paia di pinze prelevo dall’acqua il salame di tonno ormai cotto e lo appoggio sul piano di lavoro. Lascio intiepidire.

Elimino lo spago e libero il salame dal canovaccio.

Lascio raffreddare prima di tagliare a fette oblique e servire.

 

La ricetta è tratta dall’ebook PIATTI DELLE FESTE PER TUTTI – Edizione digitale LIBRICETTE.eu che potete scaricare gratuitamente cliccando QUI.

 

Più informazioni su