Quantcast

Asti: per un giorno, le meraviglie del FaberLab a disposizione dei ragazzi dell’Anffas

Gradita visita, in mattinata, degli ospiti della sezione astigiana dell’attiva associazione

“Visto che tutte le volte vengono a trovarci loro”, si sarà chiesto Piero riferendosi agli studenti del corso Socio Sanitario del Castigliano, “perché non possiamo andare una volta a trovarli noi?”
Detto fatto. Piero è uno dei tanti ragazzi seguiti dall’attiva sede astigiana dell’Anffas (l’associazione formata da famiglie con figli con disabilità intellettiva e\o relazionale), che oggi ha fatto visita agli studenti della IV S, al Castigliano, per una piacevole mattinata, fatta di giochi, chiacchiere, vecchie e nuove conoscenze e, soprattutto, nuove esperienze.

Per i ragazzi dell’Anffas, in tema di “diversabilità”, si sono aperte infatti le porte del FaberLab, uno dei laboratori d’eccellenza del Castigliano, dove sono stati realizzati braccialetti personalizzati, il logo dell’associazione (una rosa) e l’insegna della Casa di Patti, la nuova struttura famigliare che Anffas sta finendo di allestire a Cisterna d’Asti (frazione San Matteo) e che sarà in grado di accogliere i primi ospiti dall’inizio dell’anno prossimo. Pensata per gruppi ristretti (al massimo una decina di persone), la struttura permetterà ai ragazzi di sperimentare un nuovo passo verso la relativa autonomia.

Tra Istituto e associazione il dialogo è sempre aperto e molto fitto. Per gli stage previsti dal corso di studi e per i recenti progetti di alternanza scuola lavoro, i locali di piazzale Penna ospitano da diversi anni gli studenti del Castigliano. Si pensa, inoltre, a nuove visite pomeridiane per i ragazzi dell’Anffas, per sfruttare appieno le potenzialità del laboratorio, con i suoi strumenti di fabbricazione digitale a elevata tecnologia (stampanti 3D, macchine a taglio laser, CNC…).