Quantcast

Domenica 9 Ottobre all’Isola della Carne di Repergo l’ottava edizione di “Piemontese? Si, grazie”

Non solo informazione sui grandi ed irrinunciabili valori della carne bovina piemontese, ma anche lo stato di salute della zootecnia italiana, l’educazione alimentare nelle mense scolastiche e le dinamiche del reddito aziendale.

Se ne discuterà Domenica 9 Ottobre all’Isola della Carne di Repergo di Isola d’Asti durante l’ottava edizione di “Piemontese? Sì, grazie!”, evento organizzato in collaborazione con il Cipa-at Piemonte e la Confederazione italiana agricoltori di Asti.

Il momento centrale della giornata, che gode del patrocinio della Provincia di Asti e dell’Associazione Provinciale Allevatori, è il Pranzo in cascina delle 12,30 che celebra la qualità assoluta della carne “autoctona”, frutto della cura con cui vengono allevati i capi dell’azienda della famiglia Capra: allevamento semibrado, transumanza estiva nei pascoli di montagna, alimentazione autoprodotta dalla stessa azienda ed il “ciclo chiuso” che garantisce la totale tracciabilità genetica degli animali.

La giornata avrà inizio alle 10,30 con l’apertura delle stalle ai visitatori. Alle 11 un “talk-show” campagnolo tra esperti di alimentazione animale e giornalisti sul tema “La carne della razza piemontese, valori nutrizionali e reddito aziendale” sintetizzato in “Le tre R della qualità: Razza, Rintracciabilità, Reddito”.

Parteciperanno il noto dietologo, nutrizionista e docente universitario prof. Giorgio Calabrese, il presidente nazionale della CIA, Dino Scanavino, l’assessore all’istruzione ed alle politiche giovanili del Comune di Asti, Marta Parodi e l’esperto di enogastronomia dr. Giancarlo Sattanino. Presenti anche il presidente provinciale CIA Asti, Alessandro Durando, il Presidente del Cipa-at Piemonte, Gabriele Carenini ed il vicedirettore dell’Associazione Provinciale Allevatori, Domenico Viarengo.

Il menu del “Pranzo in cascina” prevede: Insalata capricciosa, Carne cruda piemontese, Tomini della cascina, Tajarin al ragù di salsiccia, Bollito misto piemontese con i tradizionali “bagnetti”, Dolce e caffè. Vini a doc e docg dei produttori della Val Tiglione. Costo 20 euro.

Prenotazioni allo 0141.958203 entro Venerdì 7 Ottobre.