Quantcast

Costigliole d’Asti, a Bricco Lu la panchina gigante che guarda l’Unesco

Il recupero di un belvedere panoramico, la nascita di un parco naturale e il posizionamento di un’altra Panchina “fuori scala”: accadrà attorno a Bricco Lu di Costigliole d’Asti, un colle alto 310 metri sul livello del mare con una vista mozzafiato a 360° che dalle terre dell’Unesco - Monferrato, Langa e Roero - corre fino alla catena di Alpi.

Sabato 24 settembre s’inaugura la nuova Big Bench, la panchina gigante che l’imprenditrice vitivinicola Mariuccia Borio, di Cascina Castlèt, ha donato al Comune per i 40 anni del Passum, la sua Barbera d’Asti punta d’eccellenza della cantina. La prima, sempre disegnata dall’artista americano Chris Bangle, è tra i vigneti al Castelletto, dove ha sede l’azienda.
Il Comune di Costigliole d’Asti si è occupato di sistemare il bricco per restituirlo a cittadini e turisti che visitano il posto.

In occasione dell’evento, è prevista una passeggiata di 7 km organizzata da Costigliole Cultura, con partenza alle 15,30 dal sagrato della Chiesa della Madonnina (info: Filippo Romagnolo 348.1387521). Per chi non ha voglia di scarpinare, il ritrovo è alle 16,30 sempre davanti alla Chiesa della Madonnina e si sale a Bricco Lu, dove s’inaugura la Panchina gigante. La Pro Loco di Costigliole offre un aperitivo con soma d’aj e uva moscato e barbera.

E intanto è arrivata una buona notizia: nascerà una riserva naturale che da Bricco Lu toccherà anche i territori di Calosso e Agliano, comprendendo il percorso del rio Bragna e il Paludo, un’oasi della Lipu dove nidificano numerose specie di uccelli. “L’oasi del Paludo e la riserva naturale del Rio Bragna sono due sogni che si realizzano – racconta Filippo Romagnolo, assessore e presidente della Associazione Costigliole Cultura – , tutto nasce nel 2000, quando facemmo un Consorzio per togliere gli scarichi nel rio.

“Grazie alla sensibilità di Mariuccia Borio – dice il sindaco Giovanni Borriero – il Comune di Costigliole d’Asti potrà completare la piena valorizzazione turistica e ambientale di uno dei punti panoramici più noti e affascinanti delle terre dell’Unesco. Possiamo finalmente inaugurarla perché abbiamo completato i lavori di installazione oltre alla posa degli arredi, della segnaletica informativa e stradale del sito. Il piazzale di Bricco Lu è da oggi accessibile solo a pedoni e ciclisti, non più ad auto e a moto”. “Dedicheremo la panchina – annuncia la vignaiola Mariuccia Borio – alla maestra e poetessa Teresa Mastallone che scrisse la leggenda del Colle di Lu e dell’amore di Cocco e Gentucca. È l’inizio di un progetto di valorizzazione del territorio, di fare squadra con le altre anime.”

La panchina è libera a tutti: tutti possono vederla, sedersi sopra e godersi il paesaggio.