Quantcast

Asti: Importante accordo con Rete Ferroviaria Italiana per il ripristino di strada Santo Spirito

Ripetuti dissesti originatisi nel marzo 2011 in prossimità della strada Santo Spirito, soprastante la massicciata ferroviaria, determinarono la chiusura al traffico veicolare e la messa in sicurezza urgente del sito avvenuta con un finanziamento della Regione Piemonte di € 40.386.

La successiva approfondita indagine geologica stabilì che il fronte franoso necessitava di una sistemazione definitiva per evitarne l’ulteriore estensione e per salvaguardare il tratto di ferrovia e il sedime stradale.
Ora con la firma dell’accordo tra Città di Asti e Rete Ferroviaria Italiana (RFI) è stata definita e concordata tra le parti un’unica progettazione per la realizzazione degli interventi più idonei.
RFI provvederà alla progettazione esecutiva ed alla realizzazione di un muro in cemento armato, fondato su micropali, a monte del muro già presente, a protezione della sede ferroviaria; la sistemazione e riprofilatura della scarpata e la formazione di drenaggi; il completamento della pavimentazione stradale della strada comunale.
Il Comune provvederà allo spostamento dei servizi pubblici di proprietà comunale o di aziende di servizi controllate dal Comune stesso, ricadenti sulla proprietà comunale ed interferenti con i lavori di RFI.Collaborerà inoltre in fase di progettazione esecutiva, per l’acquisizione, dagli Enti proprietari, dei provvedimenti concernenti le modifiche o gli spostamenti di linee telegrafoniche, telefoniche ed elettriche interrate od aeree, di condutture, tubazioni, canalizzazioni e simili, e ricadenti nelle aree di lavoro.
RFI e l’impresa esecutrice delle opere, durante l’esecuzione delle medesime, dovranno garantire il costante accesso da parte dei privati alle loro proprietà che confinano con il tracciato stradale interessato dalle opere.
I lavori saranno effettuati nell’anno 2016, acquisiti i nullaosta e i benestare necessari.
Il costo complessivo dei lavori è di € 1.005.846 di cui € 450.000 a carico del Comune che il corrisponderà a RFI in tre anni.