Quantcast

L’emergenza abitativa tema di una riunione di Conferenza Permanente alla Prefettura di Asti

Questa mattina, venerdì 10 aprile, presso la Prefettura di Asti si è tenuta una riunione di Conferenza Permanente – Sezione Servizi alla Persona e alla Comunità, avente ad oggetto le problematiche abitative con particolare riferimento alle situazioni emergenziali.

Nel corso dell’incontro sono state affrontate diverse questioni attinenti l’interpretazione di alcune norme concernenti le procedure adottare per le assegnazioni fuori graduatoria.

In particolare si è discusso del problema relativo alle linee guida stabilite dalla Regione riguardanti il vincolo per i Comuni di non poter assegnare alle famiglie in emergenza abitativa gli edifici di Edilizia Residenziale Pubblica decorsi 6 mesi dalla data dello sfratto. Sul tema sarà chiesto alla Regione di valutare una modifica delle disposizioni impartite.

E’ stato, altresì, affrontato il tema riguardante l’art.5 del D.L. 28/05/2014 nr.2047 che prevede la nullità dell’iscrizione anagrafica per chi occupa abusivamente un immobile “in relazione all’immobile medesimo”.

Sulla questione la Prefettura e il Comune di Asti approfondiranno le recenti circolari del Ministero dell’Interno e di alcune Prefetture che hanno fornito interessanti spunti ermeneutici circa la possibilità di attribuire a detti soggetti l’iscrizione per domicilio in analogia con le persone senza fissa dimora.

Il Comune ha dato, infine,  la propria disponibilità a convocare a breve un incontro per ridefinire le procedure di assegnazione fuori graduatoria e rivedere i criteri elaborati circa le assegnazioni. Nonché ad un confronto trasparente  circa eventuali progetti sugli immobili occupati.

E’ stata, per ultimo, condivisa la proposta di estendere anche a tutto il territorio provinciale il monitoraggio degli immobili vuoti e di valutare eventuali progetti di social housing volti a fare incontrare l’esigenza di coloro che intendono locare un immobile con quella di coloro che versano in condizioni di disagio e non riescono a trovare un’idonea sistemazione alloggiativa.