Quantcast

“Tulipani a corte” di Govone, domenica 29 sboccia lo spettacolo

Il Castello Sabaudo di Govone, nel Roero, in Piemonte, ospita ormai da diciassette anni la tradizionale manifestazione "Tulipani a Corte".

L’iniziativa è stata ideata per valorizzare la splendida fioritura dei tulipani selvatici (Tulipa oculus solis praecox Ten.) nel parco del Castello, storicamente annoverato tra i magnifici parterres delle maggiori corti in Europa.

La denominazione di tale varietà spontanea di tulipani, chiamata ‘Occhio di sole’, protetta da una legge regionale del 1982, si deve, fin dal 1804, al grande botanico Jean Florimont Boudon de Saint-Amans, il quale aveva studiato a lungo questo tulipano mediterraneo che, acclimatato in Italia, si era guadagnato il gioioso appellativo, confermato nel 1805 anche dal collega Alphonse Louis De Candolle e dal pittore Jean  Paul Redouté nella sua opera Les Liliacées.

Il Castello Reale di Govone, per lungo tempo residenza estiva prediletta dal Re Carlo Felice e dalla Regina Maria Cristina di Savoia, é stato infatti inserito dalla Regione Piemonte nel circuito della “Corona di delizie sabaude” e riconosciuto dall’UNESCO quale “patrimonio artistico e culturale dell’umanità”. L’inizio della primavera verrà quindi festeggiato anche quest’anno con romantiche passeggiate tra le fioriture spontanee, con musiche d’epoca, mostre d’arte, spettacoli all’aperto per bambini, sfilate di figuranti in costume, visite guidate agli appartamenti reali del castello in attesa di poter aprire le preziose sale cinesi in corso di restauro.

Ai visitatori sarà offerta la possibilità di pranzare nel parco a opera delle Pro Loco, mentre dolci assaggi, degustazioni di vini e di prodotti tipici allieteranno la giornata. L’evento verrà ricordato con emissione di annullo filatelico. La manifestazione, ideata e promossa dal Centro di promozione culturale “Govone e il Castello”, viene realizzata in collaborazione con il Comune di Govone. Per informazioni: Ufficio Turistico del Comune di Govone, 0173 58103(int 1).