ATNews - Quotidiano online di Asti, Monferrato, Langhe e Roero -  Quotidiano online di Asti, Monferrato, Langhe e Roero

Lingua piemontese e orgoglio monferrino nel convegno “Monfrà da scrivi” a Moncalvo

“Un successo che è andato al di là di ogni più rosea aspettativa, un punto di partenza dal quale partire per la rilanciare la lingua piemontese e l’orgoglio monferrino”.

Sono questi i commenti a caldo degli organizzatori del convegno “Monfrà da scrivi. Piemontèis, la nostra lengua” che ha avuto luogo domenica scorsa, 12 novembre, a Moncalvo presso il teatro dell’oratorio parrocchiale Don Bosco con la partecipazione di un pubblico che ha di gran lunga superato un centinaio di presenze.

La giornata è stata organizzata dall’Associazione Guglielmo Caccia ‘detto il Moncalvo’ e Orsola Caccia, dalla Pro Loco di Moncalvo, da Gioventura Piemontèisa con il patrocinio del Comune di Moncalvo e la partecipazione del Canzoniere Monferrino. Obiettivo dell’iniziativa era sensibilizzare la popolazione all’uso della lingua piemontese, come spiegato nell’intervento introduttivo da Virgilio Gavazza, in rappresentanza della Pro Loco di Moncalvo, che ha illustrato il perché si è voluto scegliere Moncalvo come sede di questa importante iniziativa. Ha preso poi la parola Jean Robert Novero che ha magistralmente affrontato le tematiche relative alla genesi della lingua piemontese e alla storia e all’importanza della grafia, con riferimento alla variante monferrina.

In seguito vi è stata la presentazione di “Monfrà” manuale di storia, grammatica e grafia della lingua piemontese del Basso Monferrato da parte dell’autrice Silvana Berra nonché un intervento del vicesindaco di Moncalvo Mario Zonca, di origine sarde, che ha illustrato il tema della “lingua sarda comuna” in un parallelismo tra Piemonte e Sardegna. Gli interventi sono stati intervallati dalle musiche del “Canzoniere Monferrino”, brani quali “Prinsi Raimond”, “Catterina”, “La Cichin-a” che hanno fatto cantare i presenti in sala, e dalle poesie di Vicenzo Buronzo e Cesare Vincobrio magistralmente interpretate da Pier Luigi Parmigiani.

In conclusione Andrea Monti, presidente dell’Associazione Guglielmo Caccia ‘detto il Moncalvo’ e Orsola Caccia, ha presentato la nuova edizione del “Premio Tesi di Laurea il Moncalvo” riservato a tesi di laurea magistrale trattanti tematiche relative alla valorizzazione del territorio attraverso ricerche sulle opere cacciane e su aspetti storici, culturali e linguistici di Moncalvo e del Monferrato mentre Mirko Ippolito e Luisella Braghero (rispettivamente presidenti della Pro Loco di Moncalvo e del Comitato Provinciale di Asti dell’UNPLI) hanno annunciato l’imminente organizzazione di un corso di piemontese per le Pro Loco del Territorio.

“L’evento – concludono gli organizzatori della giornata – è stato un primo piccolo passo per avvicinare i residenti di Moncalvo e del territorio alla lingua piemontese, lingua che ha molte potenzialità anche dal punto di vista di caratterizzazione turistica di Moncalvo e del Monferrato”.