ATNews - Quotidiano online di Asti, Monferrato, Langhe e Roero -  Quotidiano online di Asti, Monferrato, Langhe e Roero

Asti, gli studenti del Liceo Monti alle conferenze Utea a Palazzo Mazzetti

Gli alunni del Liceo Monti saranno presenti per tutto l’anno scolastico in corso alle Conferenze UTEA a Palazzo Mazzetti, ponendo le loro domande agli autori che via via presenteranno i loro testi.

Nel mese di novembre ha partecipato la classe quarta Liceo delle Scienze Umane sez.C, con i docenti Valter Serra, Teresa Capello e Maria Scicchitano, che hanno coordinato l’approfondimento legato alla relazione della dottoressa Debora Ferro, responsabile della Biblioteca Vescovile, dal titolo “Libri a Stampa nel contesto della Riforma”. I ragazzi hanno poi visitato la mostra “Nella città d’Asti in Piemonte”.

I professori Stefano Penna e Raffaele Girasole, docenti di italiano e latino, hanno invece proposto alla classe prima Liceo Linguistico sez.C la lettura di “Il romanzo dell’Opera” dell’attuale presidente UTEA Piergiorgio Bricchi, collegandola anche alla Disciplina di Geostoria. Si tratta infatti di un saggio divulgativo sulla cultura musicale articolato come un viaggio in Italia ed in Europa.

Hanno partecipato gli alunni Elinor Barni, Carlotta Garrone, Alessia Peronace, Veronica Vallana. La partecipazione del Liceo Monti continuerà alle prossime conferenze, sempre di venerdì, dalle 17 alle 18.30.

Il Progetto UTEA, curato dalla dottoressa Giovanna Banchieri, proseguirà quindi con la presentazione, condotta dal giornalista Sergio Miravalle:  il 2 febbraio Riccardo Santagati “ Il ciclo dei romanzi di Castelmorte”, il 2 marzo  Stefania Bertola “Ragione e sentimento” un rifacimento da Jane Austen. In primavera inoltrata, ancora uno sguardo all’universo femminile: il 20 aprile con Laura Calosso “La stoffa delle donne “, infine, il 18 maggio Manuela Caracciolo, giornalista e scrittrice presenterà “Quella notte a Merciful Street “.

Conclusione poi il 25 maggio con una visita guidata per tutte le classi partecipanti, a turno, all’Archivio Storico con la direttrice Barbara Molina.