ATNews - Quotidiano online di Asti, Monferrato, Langhe e Roero -  Quotidiano online di Asti, Monferrato, Langhe e Roero

Marco Lovisolo: “Bisogna essere sempre più pronti all’accoglienza turistica” video

Iniziamo con l’Amministrazione Comunale di Nizza Monferrato il nostro viaggio virtuale per far conoscere la bellezza dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe e Monferrato riconosciuti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

La scelta di partire da Nizza Monferrato non è casuale: la città del Campanon fa parte della Core Zone “Nizza Monferrato e il Barbera”. A distanza di tre anni dal riconoscimento, vediamo come si sta muovendo la città e cosa può trovare il turista che sceglie di visitarla.

Marco Lovisolo: “Bisogna essere sempre più pronti all’accoglienza”

di Elisa Grasso

Marco Lovisolo, 39 anni, responsabile commerciale della Siemens, è l’Assessore con deleghe al turismo e alle manifestazioni di Nizza Monferrato.

È figlio d’arte: il padre Pietro è stato il primo cittadino di Nizza nel 2009. L’etichetta UNESCO, a suo parere, è un’opportunità irrinunciabile ma, affinchè il territorio venga valorizzato al meglio, secondo lui è necessaria un’attenta attività di promozione turistica di qualità.

1) Cosa è cambiato con il riconoscimento UNESCO?

Ora siamo sulla mappa UNESCO, siamo riconoscibili a livello internazionale e rappresentiamo il cinquantesimo sito.
Nel momento in cui ci concentreremo maggiormente sulla qualità, saremo ancora più attrattivi.

2) Cosa ha fatto e può fare Nizza per sfruttarlo al meglio?

Dobbiamo essere sempre più pronti all’accoglienza. L’accoglienza umana è decisiva.
Abbiamo la fortuna di disporre, oltre che della professionalità del presidente Maurizio Martino, di due ragazze competenti all’ufficio turistico: Silvia Boggian e Giulia Delprino. Forniscono informazioni di ogni genere: delucidazioni sulle cantine, mappe, attrazioni monumentali, strutture ricettive.

3) Un esempio concreto?

Il Comune di Nizza ha recentemente investito per un nuovo portale, visto che il sito precedente era diventato ingovernabile.
Per l’Amministrazione è più semplice fornire informazioni utili ed aggiornare costantemente il sito.
Penso che la vera innovazione sia l’APP per cellulari «Municipium»: una soluzione smart semplice ed intuitiva.
E’ divisa in sezioni, come il calendario dei rifiuti e la l’elenco degli eventi.
Nella parte dedicata alla segnalazioni, ciascun cittadino può comunicare le criticità dall’ufficio competente in materia: sono sufficienti una foto e la geo-localizzazione per avere i dettagli. Oltre a migliorare l’efficienza dei servizi al cittadino, pone l’attenzione sulle problematiche e ci permette di rimediare.
Abbiamo in programma di arricchire la sezione «eventi» con sport, musica, cucina, arte.
Al momento sono indicate solo le attività organizzate in collaborazione con il Comune.
Così, chi vorrà trascorrere del tempo a Nizza, sarà informato a 360 gradi.

4) Secondo Lei, cosa si aspetta il turista quando visita Nizza?

I flussi turistici provengono prevalentemente dal Nord Europa.
La richiesta base del turista per interfacciarsi con noi è una buona conoscenza della lingua inglese.
Cerca i dettagli, la storia dietro la bellezza del paesaggio. Salire sul Campanon, visitare il Museo del Gusto e il Museo Art ‘900 sono solo alcune delle mete preferite dal turista tipo.
Il centro storico è uno dei nostri fiori all’occhiello.

 

************************************

Il Progetto “Comunicare la Bellezza…delle Colline Unesco” è realizzato grazie al contributo di:

Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato

Cooperativa della Rava e della Fava

Il Progetto ha ricevuto il Patrocinio di:

Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero-Monferrato

Comune di Asti

Provincia di Asti